ISPI Dossier
26 Aprile 2018
L’Euro si salverà. E l’Italia? – Forum

Ridurre la spesa senza crescita, una scelta sbagliata?

Paul Krugman (premio Nobel per l’economia 2008): [...] “La drastica riduzione della spesa di fronte ad una disoccupazione elevata è un errore. I sostenitori dell’austerità avevano predetto che i tagli alla spesa avrebbero portato rapidi benefici ristrutturando la fiducia [dei mercati] nella convinzione che gli effetti negativi su crescita e impiego avrebbero avuto un impatto inferiore. Ma si sono sbagliati.”…

Herman Van Rompuy (presidente Consiglio Ue): [...] “Quello che facciamo non ha a che fare con lo smantellamento della protezione sociale. Si tratta di essere sicuri che le nostre economie siano competitive abbastanza da creare lavoro e sostenere gli standard di vita raggiunti dai nostri cittadini. Tutti gli sforzi puntano a rispondere alla crisi economica e a preservare la stabilità finanziaria. Ma l’obiettivo finale è la creazione di lavoro e non ci sono contraddizioni tra questi due propositi”…

 

1 commento »

  1. Il momento di congiuntura economica di queste proporzioni nella zona euro, ma soprattutto in Italia dove la disoccupazione e la chiusura di industrie e attività produttive medie e piccole, sta arrivando a percentuali preoccupanti, per non dire allarmanti che potrebbero minare e mettere a rischio la pacifica convivenza degli individui nella società italiana.
    Tagliare le spese, serve laddove ci sono sprechi e sperperi ingiustificati da parte della politica,ma devono comunque essere supportati da investimenti per potenziare l’occupazione e il sostegno delle aziende.

Lascia un commento


ISPIChi siamoContatti