ISPI Dossier
24 Gennaio 2018
Petrolio, la nuova minaccia globale – Background

RISERVE GLOBALI

In quali sottosuoli nazionali giacciono le principali riserve mondiali di petrolio? Come ci si può facilmente aspettare, il Medio Oriente, e in particolare la monarchia saudita, è l’area che maggiormente ne dispone. Ma di primaria rilevanza, in chiave tanto economica quanto geopolitica, è anche la seconda posizione assoluta del Venezuela di Hugo Chavez.RiserveMondiali

__________________________

IL PREZZO

Nel corso degli ultimi cinque anni, il costo nominale di un barile di petrolio ha conosciuto alti e bassi. Il Brent, il benchmark convenzionalmente utilizzato per indicare il prezzo di riferimento del greggio, si è innalzato a seguito della crisi economica tra il 2007 e 2008, per poi calare e crescere nuovamente in maniera vertiginosa tra i mesi di marzo 2009 e marzo 2011.Brent

__________________________

FORNITORI E CONSUMATORI

Chi sono i cinque primi fornitori delle grandi potenze globali (più l’Italia), già affermate e/o in ascesa? La dipendenza energetica è un aspetto che può spiegare molte delle scelte in politica estera. La stabilità e la sicurezza dei Paesi esportatori, infatti, è direttamente proporzionale alla crescita economica e al benessere degli Stati importatori.Import

__________________________

IL RISCHIO POLITICO

Qual è il grado di rischio che ciascun Paese importatore corre nell’acquistare petrolio da uno Stato terzo? L’Economist Intelligence Unit fornisce un indicatore per valutare l’affidabilità di un investimento estero: il Country Risk Assessment. Qui di seguito la mappa che illustra graficamente il rischio di quei Paesi che esportano verso i sopramenzionati USA, Cina, Giappone, India, Italia ed Unione Europea.

OilCountryRisk

__________________________

ORIZZONTE 2030

Nel 2030 quale sarà il livello import/export del petrolio nel mondo? Uno studio della British Petroleum ha guardato al futuro. Il Nord America dovrebbe pressoché  raggiungere un livello energetico di autosufficienza. Al contrario, la Cina pare destinata ad acuire largamente la propria dipendenza. Un simile avvenire dovrebbe riguardare anche l’Europa.

Fonte: British Petroleum

Fonte: British Petroleum

__________________________

Energia rinnovabile e nucleare, gas e biocarburanti, carbone ed idroelettricità. Quali possono essere le alternative al petrolio? E come impatterebbero sulla domanda globale di energia da qui a venti anni? L‘Energy Outlook 2030 della British Petroleum prova a rispondere anche a questi quesiti.

Fonte: British Petroleum

Fonte: British Petroleum

__________________________

CARO BENZINA

Dove la benzina è più cara? In Italia. Nel nostro paese il costo del carburante è salito di più che in qualsiasi altro (18 per cento) nel corso di un anno, dal febbraio 2011 allo stesso mese del 2012. La fotografia la fornisce il settimanale The Economist nel grafico che segue.

PrezziPetrolio

Fonte: The Economist

__________________________

I PRODOTTI DERIVATI

Infine, una curiosità. A cosa serve concretamente il petrolio? E cosa permette di produrre? L’Energy Information Administration ha spiegato graficamente quali sono i prodotti derivati petroliferi.

Fonte:

Fonte: Energy Information Administration

 

Nessun commento

Non c’è ancora nessun commento.

Al momento l’inserimento di commenti non è consentito.


ISPIChi siamoContatti