ISPI Dossier
24 Gennaio 2018
Sarkozy: alla ricerca della Grandeur perduta – Forum

Quali motivazioni dietro l’interventismo francese?

Dominique Moisi (direttore dell’Ifri): “Il petrolio stavolta non c’entra, abbiamo il nucleare. [...] Il fattori più importante per Sarkozy è la cultura specifica della Francia, unico altro Paese, assieme agli Stati Uniti, a ritenere di avere una missione universale. L’identità internazionale è parte essenziale della nostra identità nazionale. I francesi sono contenti quando vedono piantare la loro bandiera da qualche parte[...]. In modo che definirei cartesiano, il francese pensa: ‘Intervengo, quindi esisto’”.

Sergio Romano (editorialista Corriere della Sera): “Quella francese è un’azione molto spregiudicata, dettata essenzialmente da due motivazioni. La necessità di cancellare il ricordo dell’intimità con due degli autocrati protagonisti della politica della sponda sud: Mubarak e Ben Ali. In vista delle elezioni presidenziali, Sarkozy necessitava di un rilancio d’immagine. Nel 2007 aveva vinto conquistando l’intellighenzia di sinistra ma anche il voto di destra. Oggi pare piuttosto minacciato sia da Marine Le Pen sia da Dominque de Villepin.”

 

2 commenti »

  1. Il sig. Moisi non può dire che la Francia non è interessata al petrolio, in quanto ha il nucleare: ma non risulta che le automobili francesi viaggino con combustibile nucleare. Che dire degli interessi della Gulf in tutto il Nord-Africa e Africa Sub-Sahariana? Magari da un forum come questo ci si potrebbe aspettare analisi meno superficiali del solito sentimento nazionale.

  2. concordo con Romano. Se poi è vero che la missione francese segreta a Bengasi in autunno 2010 è andata a preparare il tutto mettiamoci anche gli interessi economici che sono stati certamente promessi a Sarkosy in cambio dell’intervento. Intervento che lui ha eseguito per primo perchè era l’unico già pronto da tempo. Tranne che poi qualcosa non è andato come previsto: credo a causa dei tentennamenti di Obama che ancora adesso non sà cosa vuole

Lascia un commento


ISPIChi siamoContatti