ISPI Dossier
23 Luglio 2017
Africa: il fattore R, come Religione

Gli attentati di domenica 17 giugno in Nigeria, dopo i numerosi delle settimane precedenti, confermano un trend preoccupante in cui all’aumento delle tensioni religiose nel paese si sommano altri storici fattori che hanno come conseguenza un’accresciuta instabilità. Ma la Nigeria non è l’unico paese del continente africano esposto a conflitti in cui la matrice religiosa gioca un ruolo importante. Nell’ormai ventennale conflitto in Somalia l’estremismo musulmano di Shaabab svolge un’azione assai preoccupante anche sulla stabilità del Sahel, che ha avuto come epicentro la rivolta tuareg e il colpo di stato in Mali. L’area saheliana e del Sahara sempre più sembra essere una chiave di volta del jahadismo africano, uno snodo sviluppatosi nel decennio scorso anche per iniziativa degli islamisti algerini che si spostarono verso sud e costruirono i loro santuari in pieno deserto. I militanti nigeriani di Boko Haram, per esempio, vengono addestrati nel deserto del Niger e del Mali e al termine della formazione terroristica fanno ritorno in patria.
In Africa però le religioni non sono da sempre terreno di scontro: spesso hanno giocato e giocano un ruolo fondamentale per la pace e la sicurezza del continente. Le generalizzazioni che richiamano alla ‘guerra di religione’ aiutano poco a fare chiarezza e ad approfondire le possibili cause storiche, sociali, politiche ed economiche che spesso stanno dietro anche a questo tipo di avvenimenti.

(foto Reuters)

background scenario

 

forum

Scontri in Africa: motivi religiosi o altro?

Chandra Muzaffar (Universiti Sains Malaysia): "Gli attuali conflitti che vedono contrapporsi cristiani e musulmani in Africa hanno poco a che fare con le rispettive dottrine o pratiche religiose. Le vere cause più specifiche sono da rintracciarsi in questioni politiche e/o economiche."

Matthias Basedau (German Institute of Global and Area Studies): "La contrapposizione tra cristiani e musulmani, unita ad altri fattori di rischio quali la povertà e le tensioni etniche, fanno dell'Africa un continente incline a uno "scontro delle religioni" tra cristiani e musulmani."

commenta

more on

DALL'ISPI

Conflitti religiosi in Africa?
Se l'informazione è muta e sorda
(new)
Irene Panozzo
(Durham University)

Eppure la convivenza religiosa funziona (new)
Tre domande
al ministro Andrea Riccardi

Il ruolo chiave delle élites religiose per lo sviluppo (new)
Francesca Bruschi

Sahara e Somalia:
il filo rosso di Al Qaeda
(new)
Massimo A. Alberizzi

Il delicato equilibrio
tra Cristianesimo e Islam
a partire dal caso dell'Etiopia
(new)
Emanuele Fantini

Religion is not the biggest threat.
But is fuelling tensions in Africa
(new)
Olusegun Akinsanya
(ISS, Addis Ababa)

Multimedia:

Nigeria,
oltre le motivazioni religiose
(new)
Gian Paolo Calchi Novativideo

Precedenti:

Il precario equilibrio nigeriano
Commentary di Gian Paolo Calchi Novati, Lia Quartapelle

La primavera nigeriana
Commentary di Godefroy Sankara

 

DAL MONDO

LONDRA
(Chatham House)
"Boko Haram: Racing to Reclaim the Initiative"

WASHINGTON
(Council on Foreign Relations)
"Nigeria's Battle for Stability"

ADDIS ABABA
(Programme for Christian-Muslim Relations in Africa)
"Africa Christian and Muslim Religious Leaders Conference on Peace and Development "

WASHINGTON
(Africa Center for Strategic Studies)
"Nigeria's Pernicious Drivers of Ethno-Religious Conflict"

PRETORIA
(ISS)
"Comparing Somalia's Al Shaabab and Uganda's Lord's Resistance Army"

 

DALLO SCAFFALE

Religion and Conflict Resolution. Christianity and South Africa's Truth and Reconciliation Commission -Megan Shore

Nessun commento

Non c’è ancora nessun commento.

Al momento l’inserimento di commenti non è consentito.


ISPIChi siamoContatti