ISPI Dossier
31 Ottobre 2014
Una scossa libica per la Primavera araba?

La Libia era entrata nella “Primavera araba” in maniera anomala tra il febbraio e il marzo scorso, a causa, da una parte, della natura armata della rivolta scatenata contro Gheddafi, dall’altra, per la sua internazionalizzazione, sollecitata e ottenuta da Bengasi nella consapevolezza che senza un sostegno armato esterno non sarebbe mai riuscita ad aver ragione del Colonnello.

L’entrata dei rivoltosi a Tripoli, che ha rotto uno stallo che sembrava difficilmente sovvertibile, pare aver provocato una scossa di cui tutto il mondo arabo aveva bisogno per uscire da un circolo vizioso nel quale le forze della cosiddetta controrivoluzione sembravano avallare l’impotenza delle masse che reclamavano maggiore libertà e la debolezza di una Comunità internazionale più retorica che pragmatica.

L’ormai imminente sconfitta di Gheddafi apre però nuove e numerose incognite. All’interno del paese queste sono principalmente legate alla capacità del Consiglio Nazionale Transitorio di pacificare la Libia e di governarla, trovando una complicata sintesi tra le varie anime che lo compongono. Sul piano regionale la caduta del Rais potrebbe invece rianimare il vento della “primavera araba”, ridando più fiducia anche a quelle forze che, in alcuni casi sottotraccia, si stanno impegnando per dare corpo e prospettiva a progetti di riforma dei sistemi politico-istituzionali dei rispettivi paesi. Sul piano internazionale il crollo del regime pare premiare le politiche più interventiste (di Francia e Gran Bretagna per es.) che la frustrante mancanza di successo sembrava mettere all’angolo, a discapito di quelle più caute (come nel caso della Germania).
Tuttavia gli scenari interni e regionali rimangono alquanto incerti e potrebbero ulteriormente mutare nell’eventualità di un intervento internazionale di peacekeeping sul territorio libico.

background scenario

 

 

forum

Libia: servirà una missione di peacekeeping?

Foud Ajami (Stanford University): "Io penso che i ribelli siano in grado di governare. Non si corre il rischio di alienarsi la burocrazia e i militari del vecchio regime, come fatto altrove. Gheddafi infatti aveva già fatto pulizia di ogni burocrazia. Il paese ha tutte le potenzialità e le ricchezze per essere un paese in salute".

Richard N. Haass (presidente del Council on Foreign Relations): "E' proprio ora che viene la parte più difficile. La Nato dovrà affrontare le conseguenze del suo successo. In realtà, in Libia non c'è nessuna istituzione pronta a prendere il potere dopo la caduta del colonnello. Non è detto quindi che non sia necessaria l'opzione "boots on the ground" per contrastare caos e insicurezza. Anche se i ribelli non richiederanno un intervento sul campo non è detto che questo, alla fine, non sia necessario".

commenta

more on

DALL'ISPI

L'autunno di Gheddafi rilancia la Primavera araba (new)
Armando Sanguini

Il crollo del regime: incentivo o deterrente? (new)
Gian Paolo Calchi Novati

La Libia, l'Islam, l'Occidente (new)
Karim Mezran

Per l'Italia in Libia
la rincorsa si fa lunga
(new)
Arturo Varvelli

La scommessa di Sarko:
nuovo alleato indispensabile?
(new) Massimo Nava

Nove errori da non commettere
per i leader del dopo-Gheddafi
(new)
Francesco Bastagli

Le fragilità dell'identità nazionale libica (new)
Massimiliano Cricco

Precedenti:

Transition toward Democracy in Libya: a Cautionary Tale
Dirk Vandewalle

Il futuro della Libia e dell'Afghanistan tra debolezze interne e intervento esterno
Andrea Carati e Arturo Varvelli

 

DAL MONDO

WASHINGTON
(Washington Post)
"An imperfect triumph in Libya"

AUSTIN, TX
(STRATFOR)
"Libya After Gadhafi: Transitioning from Rebellion to Rule"

NEW YORK
(Foreign Affairs)
"Libyan Nation Building After Qaddafi"

NEW YORK
(New York Times)
"Tribal Rifts Threaten to Undermine Libya Uprising"

LONDRA
(Chatham House)
"Libya: Policy Options for Transition"

NEW YORK
(Council on Foreign Relations)
"Post-Qaddafi Instability in Libya"

 

DALLO SCAFFALE

Storia della Libia contemporanea

L'Italia e l'ascesa di Gheddafi

Nessun commento

Non c’è ancora nessun commento.

Al momento l’inserimento di commenti non è consentito.


ISPIChi siamoContatti