ISPI Dossier
18 Agosto 2017

Archivio gennaio, 2010

La risposta internazionale alle emergenze:
united or divided?

Il terremoto di Haiti ha riaperto il dibattito sulla capacità internazionale di dare una risposta efficiente ed immediata alle emergenze derivanti da catastrofi naturali o conflitti. Temi importanti come il coordinamento tra i vari attori coinvolti (Organizzazioni internazionali, Stati, Ong, ecc…), le politiche e le strategie di intervento e ricostruzione, il ruolo dei militari e il loro rapporto con le organizzazioni civili, oltre al problema dell’ingerenza dei paesi che soccorrono lo stato in difficoltà, sono chiaramente emersi dalle recenti vicende.

background scenario

 

forum

LA COMUNITA' INTERNAZIONALE HA REAGITO PRONTAMENTE E IN MODO EFFICACE ALL'EMERGENZA HAITIANA?

GUIDO BERTOLASO (Protezione Civile - Italia): "[...] La macchina dei soccorsi gira su se stessa. C’è tanto impegno, tanto lavoro, ma poi risultati concreti non se ne vedono. Manca una capacità di coordinamento, utile per non disperdere gli aiuti che sono stati inviati"...

ROBERTO DORMINO (Responsabile logistica missione Onu ad Haiti): "[...] A Port-Au-Prince non c'è nulla. Non ci sono né strutture né mezzi. Qui non c'è un parco veicoli che può essere utilizzato per gli aiuti. Più di tanto non si può fare. Il governo non esiste, le frontiere sono aperte"...

commenta

more on

DALL'ISPI

Coordination of the Humanitarian Response to Earthquakes: an Evolving Challenge (new), Piero Calvi Parisetti

Haiti e la gestione delle emergenze internazionali: gli errori da non ripetere (new), Gianni Rufini

Assistenza ed ingerenza: la 'Responsability to protect' e il 'nuovo protettorato internazionale' (new), Edoardo Greppi

Emergenza Haiti: united we stand, divided we fall? La risposta internazionale ai disastrivideo

The International Response to Emergencies: Lessons Learned and New Challengesvideo

 

DAL MONDO

WASHINGTON
(Worldwatch Institute)
"Disaster Diplomacy: Hope Despite Evidence?"

LONDRA
(ODI)
"Towards good humanitarian government. The role of the affected state in disaster response"

TOKYO
(Japan Society for Natural Disaster Science )
"International Cooperation in a Post-disaster Scenario"

WASHINGTON
(USAID)
"Foreign Aid in the National Interest"

LONDRA
(ALNAP)
"Responding to earthquakes 2008. Learning from earthquake relief and recovery operations"

LONDRA
(ODI-HPN)
"Improving NGO coordination: lessons from the Bam earthquake"

 

DALLO SCAFFALE

Disaster Management: Global Problems and Local Solutions

Haiti in the Balance: Why Foreign Aid Has Failed and What We Can Do About It

precedente

ISPIChi siamoContatti