ISPI Dossier
18 Agosto 2017

Categoria: Terrorismo

Il ritorno di Obama in Medio Oriente

Dal 20 al 22 marzo il presidente Barack Obama compirà un’importante visita di Stato tra Israele – la prima nello stato ebraico dall’inizio del suo mandato nel 2009 -, Territori Occupati e Giordania. I temi di maggiore confronto saranno i principali dossier mediorientali: dalla crisi siriana al nucleare iraniano, passando per la transizione egiziana, la lotta al terrorismo internazionale ed, infine, il rilancio della questione israelo-palestinese.
Tuttavia, il presidente ha subito tenuto a precisare che in questo viaggio non presenterà al governo Netanyahu né un piano di pace, né una “tabella di marcia” per il ritiro dei coloni dalla Cisgiordania, come invece era stato riportato da alcuni quotidiani israeliani.
Il primo mandato di Barack Obama, come hanno osservato molti commentatori, non si è distinto per un chiaro impegno in Medio Oriente. Da un lato, l’amministrazione americana negli ultimi anni si è concentrata sul disimpegno. Il ritiro dall’Iraq, già in agenda nel 2008, e dall’Afghanistan, dopo un tentativo di surge simile a quello iracheno, sono stati la manifestazione più evidente di una razionalizzazione delle risorse da investire nella macro-regione del Medio Oriente allargato. Dall’altro lato, l’amministrazione Obama ha mantenuto un profilo marcatamente defilato rispetto ai recenti processi di cambiamento nell’area, dalla cosiddetta Primavera araba all’intervento militare in Libia, dove è stato adottato un approccio inconsueto nelle politiche mediorientali di Washington come quello del “leading from behind“.
Questa cautela non sarà probabilmente abbandonata, ma forse sarà accompagnata da un maggior impegno politico. I problemi sono straordinariamente numerosi. Proprio la questione dei negoziati tra Israele e Anp, rimasta emarginata nell’agenda internazionale dell’Obama I, potrebbe essere una delle scommesse del secondo mandato presidenziale, sulla quale, eventualmente, rilanciare anche l’azione di politica estera nella regione. La capacità degli Stati Uniti di riaffermarsi come potenza regionale dipenderà anche dalla propria capacità di saper gestire l’aggrovigliata matassa di variabili di instabilità del Grande Medio Oriente. (foto AFP/Getty Images)

background scenario

 

more on

DALL'ISPI

In attesa del dialogo
con il "nuovo" Israele

Vittorio Dan Segre
Università della Svizzera Italiana
new

Palestina: banco di prova
del secondo mandato

Andrea Carati
new

Il "mistero dei non-rapporti"
con Tel Aviv

Stefano Casertano
Potsdam University
new

L'Iran resta un cubo di Rubik?
Tatiana Boutourline
new

Due fronti caldi sul bastione turco
Valeria Talbot
new

Egitto: Morsi, l'alleato islamico
Andrea Nasti
new

Asse con Mosca
per la crisi siriana?

Stefano M. Torelli
new

10 anni dopo: l'Iraq non è più
il perno geopolitico Usa

Riccardo Redaelli, Andrea Plebani
new

Monarchie del Golfo:
Unbreakable Alliance

Armando Sanguini
new

Usa vs al-Qaida:
Obama atto secondo

Ludovico Carlino
new

Precedenti:

Quali sfide per John Kerry?
Gianluca Pastori
ISPI Commentary (Febbraio 2013)

Multimedia:

Dietro la retorica:
la futura politica estera di Obama

Alessandro Colombovideo

Eventi:

The US and the Middle East:
A new global engagement?

 

DAL MONDO

WASHINGTON
(Carnegie Endowment)
"Obama in the Middle East"

IL CAIRO
(The Cairo Review)
"Toward a New American Policy"

MADRID
(FRIDE)
"Europe and the US in the Middle East: a convergence of partiality"

 

precedente

ISPIChi siamoContatti