ISPI Dossier
24 Ottobre 2017

Categoria: Energia

Economia ed energia per il rilancio Euro-med

Nel corso dell’ultimo biennio, il bacino del Mediterraneo è stato attraversato da importanti mutamenti politici ed economico-finanziari che hanno conferito ad alcuni Paesi della sponda Sud nuovi e imprevedibili assetti.
La cosiddetta “Primavera Araba” ha dato avvio a un processo più o meno rapido del quadro politico istituzionale dell’intera area, avviando una svolta epocale. Pur nel permanere di elementi di incertezza dati dall’instabilità politica, dalla presenza di rischi sociali legati all’elevato tasso di disoccupazione e dalle problematiche legate alla sicurezza marittima, ai rischi ambientali e ai traffici illeciti, esistono fattori indubbiamente positivi.
I Paesi delle sponde Sud e Est del Mediterraneo hanno mantenuto, una condizione di crescita economica positiva che dovrebbe continuare anche sulla base delle previsioni 2013.
Rappresentando un mercato di più di 600 milioni di potenziali consumatori, i Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente rimangono un target strategico per le attività di import-export e di investimento dell’Unione Europea. Lo testimoniano i dati: nel 2011, ad esempio, l’interscambio tra le due macro-regioni ha subito un aumento del 12%, attestandosi su un valore di oltre 320 miliardi di euro.
Per gli Stati della riva Nord, quindi, le trasformazioni in corso potrebbero rappresentare nuove opportunità per una maggiore integrazione. Per decenni i rapporti tra i Paesi e le comunità del Mediterraneo sono stati rivolti quasi unicamente allo sviluppo di forti interconnessioni economiche ed energetiche tralasciando, invece, la possibilità di creare uno spazio unico comune di sicurezza e di stabilità politica. Proprio l’assenza di una lungimirante politica comunitaria globale volta a rispondere alle crescenti sfide e alle esigenze dei Paesi della sponda Sud e Orientale ha rallentato notevolmente il processo di integrazione regionale favorendo l’avanzare di vecchi e nuovi attori interni ed esterni alla regione, come Russia, India, Cina e Paesi del Golfo, sempre più interessati ad assumere una leadership forte in un’area dalle potenzialità enormi. L’Europa non può perdere questa partita.

background scenario

 

forum

Quale futuro per l'Unione per il Mediterraneo?

Azraj Omar (giornalista e scrittore algerino): [...] "L’UpM è semplicemente uno scheletro vuoto, una struttura del tutto priva di vita. La cosa che desta meraviglia è che Sarkozy abbia creduto tanto in questo progetto, che è e sarà privo di qualsiasi base popolare e caratterizzato dall’'improvvisazione"...

François Hollande (Presidente della Repubblica francese): "Vogliamo riaprire in un modo diverso dal passato il dialogo tra Europa e Mediterraneo. Le formule che sono state utilizzate finora non hanno sempre dato i risultati sperati. (...) Agiamo in modo semplice, pratico e proviamo ad accelerare i tempi (...) Servono progetti concreti, azioni, ambizioni comuni".

commenta

more on

DALL'ISPI

Europa e Mediterraneo
oltre la crisi
(new),
Valeria Talbot

Sud a geometria variabile: economie a confronto (new), Gianluca Salsecci

Il modello PMI
nel motore della ripresa
(new),
Federico Maria Bega

Petrolio e sviluppo:
se cade una foglia a Pechino...
(new), Eugenio Dacrema

Il Corridoio del gas: cercasi
politica energetica comune
(new), Carlo Frappi

Sole e vento: partita aperta
sulla Green Energy:
(new), Giuseppe Dentice

The Perspectives of Economic Growth after the Arab Spring Intervista a Ahmed Galal
(FEMISE and Economic Research Forum, Egypt)video

DA INTESA SANPAOLO



Focus Economia,
a cura dell'Ufficio Studi
di Intesa Sanpaolovideo

DA PROMOS



Forum economico e finanziario
per il Mediterraneo

Linee Guida
12-13 novembre 2012

 

DAL MONDO

MADRID
(FRIDE)
"When gravity fails... Five futures for Euro-Mediterranean relations"

LONDRA
(Chatham House)
"The Changing Role of Civil Society in the Euro-Mediterranean Area"

LONDRA
(ECFR)
"Ever Closer Union around the Mediterranean?"

BRUXELLES
(Bruegel)
"Cross-Mediterranean economic and political relationships must be rebalanced to include all of Europe"

 

precedente

ISPIChi siamoContatti