ISPI Dossier
24 Aprile 2014

Categoria: Elezioni

Pakistan: molte ambiguità nell’urna

Sarà un anno fitto di appuntamenti elettorali quello che il Pakistan inaugura con le elezioni politiche dell’11 maggio. Segnato fin dalla sua origine da una profonda instabilità che ha portato i militari al potere destituendo amministrazioni civili particolarmente fragili, il “Paese dei puri” raggiunge quest’anno un traguardo storico: per la prima volta un governo civile completa il proprio mandato, preparandosi a passare il potere a un altro esecutivo. I cittadini pakistani sono chiamati a eleggere i 272 deputati dell’Assemblea nazionale (la Camera bassa del Parlamento) e i membri delle 4 assemblee provinciali.
I maggiori contendenti sull’arena politica pakistana risultano essere ancora il Pakistan People’s Party (PPP), attuale partito di maggioranza, di orientamento laico e socialista spesso identificato con la dinastia Bhutto e la Pakistan Muslim League-Nawaz (PML-N), erede del movimento indipendentista del padre della patria Ali Jinnah, di orientamento conservatore. Tra i due contendenti è spuntato un outsider: il Pakistan Tehrik-i-Insaaf (PTI), partito guidato dal popolare ex giocatore di cricket Imran Khan, che si propone come alternativa al sistema tradizionale dei partiti del Paese.
Lontano dai riflettori dell’agone elettorale agiscono però altri attori: è il caso dei militari e soprattutto dell’Inter-Service Intelligence (ISI), la potente agenzia di servizi segreti pakistana vero e proprio stato nello stato, legata a doppio filo ai movimenti islamisti che nell’ultimo periodo hanno intensificato i proprio attacchi alle istituzioni, in particolare a uomini politici provenienti dalle file del PPP. Nell’autunno del 2013 il capo di stato maggiore dell’esercito Ashfaq Kayani dovrebbe ritirarsi, così come il chief justice della Corte Suprema, Iftikhar Muhammad Chaudhry. Lo stesso mandato del presidente Asif Ali Zardari scadrà a settembre.
Puntare il riflettore su questa prima tappa elettorale di un paese chiave per le dinamiche geopolitiche e strategiche dell’area può dunque aiutare a comprendere i difficili sviluppi della regione: dalla stabilizzazione dell’Afghanistan al difficile rapporto con l’India e a quello altalenante con l’Iran, sono molte le sfide che vedono il Pakistan giocare un ruolo di primo piano. Sullo sfondo, l’incognita del rapporto con gli Stati Uniti, da sempre piegato alla soddisfazione dei reciproci interessi nazionali: continueranno a convergere o è giunta l’ora, per il Pakistan, di cercare nuovi amici?
(foto AFP/Getty Images)

background scenario

 

more on

DALL'ISPI

Giustizia e militari:
i nodi vengono al pettine

Elisa Giunchi
new

ISI: il "governo ombra"
Francesca Marino
new

Islamabad nella morsa
Washington-Pechino

Matteo Villa
new

Af-Pak: la speranza
è nelle potenze regionali?

Germano Dottori
new

Nuovi politici per superare
i vecchi problemi con l'India

Antonio Armellini
new

Con l'America
una relazione "tossica"

Nicola Pedde
new

Pakistan-Iran:
un rapporto al bivio?

Annalisa Perteghella
new

Infografica: Identikit
di un paese al voto
newvideo

Precedenti:

L'indebolimento del premier
mette a rischio le riforme
e la democrazia in Pakistan

Tre domande a Elisa Giunchi

 

DAL MONDO

LONDRA
(The Guardian)
"A guide to the Pakistan election"

WASHINGTON
(Foreign Policy)
"The militant groups next door"

NEW DELHI
(Gateway House)
"India-Pakistan: Business first"

WASHINGTON
(Carnegie Endowment)
"How Will Elections Impact Pakistan's Foreign Policy?"

VARSAVIA
(PISM)
"Elections in Pakistan and the International Consequences"

 

precedente

ISPIChi siamoContatti