ISPI Dossier
26 Giugno 2017

Categoria: Uncategorized

Italia al voto: Politica estera cercasi

L’Italia è alla vigilia di un voto strategico per il suo futuro sul fronte interno ed estero. Tuttavia di politica estera, poco o nulla, si è dibattuto nella campagna elettorale. Gli avvenimenti internazionali degli ultimi anni hanno colto il paese in un momento di particolare debolezza economica e politica. Si aggiunga la progressiva perdita di rilevanza strategica che l’Italia ha assunto agli occhi del grande alleato statunitense negli ultimi vent’anni. Se la penisola durante l’era del mondo bipolare si trovava ai confini della sfera d’influenza atlantica – avanguardia e insieme barriera degli interessi e dei valori occidentali in Europa e nel Mediterraneo nel costante confronto con la minaccia sovietica -, nel ventennio seguente ha perso questa centralità geopolitica, “superata” dall’espansione della democrazia in Europa e dalla guerra al terrorismo combattuta su scala mondiale. Fattori interni e fattori internazionali hanno avuto quindi profonda influenza sulla capacità italiana di esprimere una politica estera all’altezza delle nuove sfide globali. Pur con qualche variazione d’accento, a seconda della composizione dei governi, l’Italia degli ultimi anni ha continuato a considerare la NATO, vale a dire gli Stati Uniti, come un cardine fondamentale e l’Europa come un obiettivo indispensabile della propria azione, ma ha avuto almeno un altro polo: il rapporto con la Russia di Putin e con diversi altri paesi produttori di idrocarburi.
Questo dossier, con contributi di esperti e analisti di Think Tanks partner dell’ISPI, cerca di far luce proprio sulla percezione dell’Italia e della sua diplomazia nelle principali aree di riferimento tracciando scenari di quello che potrà essere il ruolo italiano negli anni a venire. (Foto: Consiglio dell’Unione Europea)

background scenario

 

forum

Quali aree sono prioritarie per la politica estera italiana?

Jonathan Laurence (Boston College): "In assenza di una politica estera e di difesa comune europea, il riposizionamento italiano rientra in una strategia diplomatica di perseguimento dell'interesse nazionale all'interno di alcune aree strategiche come i Balcani e il Medio Oriente".

James Walston (American University of Rome): "La politica estera italiana potrà assumere un ruolo rilevante se vi sarà una ridefinizione più chiara dei suoi obiettivi strategici. Il Maghreb (Libia e Algeria su tutti), il Sahel (Mali) o l'Africa occidentale (Nigeria) sono le regioni in cui l'Italia potrà avere un ruolo importante perchè lì conserva interessi rilevanti dal punto di vista politico, economico, energetico e di sicurezza".

commenta

more on

VISTI DA

USA
Dependable, but not indispensible?
James Sperling
(University of Akron - Ohio)
new

What should the future
Italian Govt do in Foreign Policy?

James Walston
(American University of Rome)video

EUROPA
Between Méthode and Realpolitik: the EU and the "Big Three"
Andrea Frontini
(European Policy Centre - EPC, Bruxelles)
new

Beyond the "catering diplomacy"
Maurizio Carbone
(University of Glasgow)
new

RUSSIA
Meno personalismi,
più pragmatismo

Tatiana Zonova
(University of Moscow - MGIMO)
new

MEDIO ORIENTE
Egypt: Ever closer trade partners?
Sally K. Isaac
(Cairo University)
new

AFRICA
"A more diversified presence of Italy in Africa"
Three questions to
Olesugun Akinsanya
(Institute for Security Studies - ISS, Addis Ababa)
new

Precedenti:

L'Italia fra nuove politiche di difesa e impegni internazionali
ISPI Studies (Settembre 2012)

Monti a Washington: "Italy is back"
ISPI Dossier (Febbraio 2012)

C'è forse un mondo
fuori dal nostro cortile?

Ugo Tramballi
(Slow News - Blog de Il Sole 24 Ore)

Multimedia:

Assessing Monti's Foreign Policy
James Walstonvideo

Eventi:

Il Presidente Napolitano in ISPI - Lectio Magistralis su
"Italia e la politica internazionale"

"L'Italia e la politica internazionale":
Roberto Maroni all'ISPI

"L'Italia e la politica internazionale":
Enrico Letta all'ISPI

"L'Italia e la politica internazionale":
Pierferdinando Casini all'ISPI

"L'Italia e la politica internazionale":
Massimo D'Alema e Franco Frattini all'ISPI

 

DAL MONDO

BERLINO
(German Marshall Fund)
"The Future of the Western
Liberal Order: The Case of Italy"

WASHINGTON
(Brookings Institution)
"Italy's Future Role
in the European Union"

 

DALLO SCAFFALE

Annuario "La politica estera dell'Italia", ISPI-IAI, Edizione 2012
a cura di Ettore Greco e Emilio Colombo

precedente

ISPIChi siamoContatti